1) Il CLENAD Italia, sezione italiana del CLENAD - Comité de Liaison des Experts Nationaux Détachés, è costituito da tutti gli Esperti Nazionali Distaccati (END) italiani presso le Istituzioni, i Servizi e le Agenzie europee.

2) Ne fanno parte di diritto tutti gli esperti nazionali italiani dal primo giorno di distacco sino alla conclusione dello stesso.

3) Sono suoi Organi: l'Assemblea Generale, il Direttivo, il Presidente, il Vice-presidente, il Tesoriere e la Segreteria tecnico operativa.

L'Assemblea generale

4) L'Assemblea Generale è l'organo universale rappresentativo del CLENAD. Ne fanno parte tutti gli END in distacco iscritti al CLENAD Italia.

5) La partecipazione al CLENAD è aperta a tutti gli esperti nazionali distaccati. Al fine del perseguimento degli obiettivi Statutari, agli END in distacco è richiesto il conferimento su base volontaria di una quota annuale stabilita dall'Assemblea Generale in occasione della prima riunione dell'anno associativo.

6) L'Assemblea Generale si riunisce almeno una volta all'anno e tutte le volte in cui il Direttivo o un terzo dei membri dell'Assemblea ne chiedano la convocazione. L'Assemblea Generale si intende validatamente costituita a prescindere dal quorum. Le decisioni dell´Assemblea vengono prese a maggioranza semplice dei presenti.

7) L'Assemblea Generale dibatte le principali questioni relative agli esperti nazionali distaccati italiani, fornendo se necessario indicazioni al Direttivo su come procedere al riguardo. L'Assemblea Generale ratifica la composizione del Direttivo sulla base di candidature spontanee degli esperti interessati, formulate in occasione della sua prima riunione.

8) L'Assemblea Generale è presieduta dal Presidente del Direttivo in carica.

Il Direttivo

9) Il Direttivo svolge attività di supporto, promozione e valorizzazione dell’Istituto END, del ruolo in generale degli esperti nazionali distaccati, coordinandosi con la Rappresentanza Permanente d'Italia presso l'UE, il Ministero degli Affari Esteri, la Presidenza del Consiglio - Dipartimento Politiche europee, Dipartimento della Funzione pubblica, le rappresentanze regionali presso le Istituzioni europee e presso ogni altra amministrazione o istituzione che possa svolgere un ruolo utile alla valorizzazione gli END italiani e del ruolo dell'Italia in Europa.

10) Il Direttivo agevola inoltre il collegamento fra gli END in servizio e quelli rientrati e contribuisce allo sviluppo dei legami tra le istituzioni ed i rappresentanti italiani operanti a Bruxelles.

11) Il Direttivo presenta pubblicamente un Rapporto di attività, ad inizio anno solare. Ne dà una giusta visibilità e diffusione, anche in collaborazione con le Istituzioni europee e le Pubbliche Amministrazioni italiane.

12) Il Direttivo ha il compito di aggiornare periodicamente la Guida END.

13) Il Direttivo può intraprendere ogni azione o attività di carattere istituzionale che sia coerente con le finalità di cui sopra, ivi compresi seminari, conferenze, workshop, incontri tematici, ecc.

14) Il Direttivo è composto da un minimo di 5 ad un massimo di 15 membri. Il Direttivo è costituito annualmente durante l'Assemblea Generale, tenendo conto delle candidature spontanee e delle indicazioni del Direttivo uscente al fine di garantire una sufficiente continuità sia delle attività in corso, sia dell'esperienza acquisita dai membri del Direttivo.

15) Il Direttivo rispetta il principio delle pari opportunità ed alternanza di genere nella sua composizione.

16) Il Direttivo neo costituito nomina il Presidente e il Vice-presidente tra i suoi membri in due distinte votazioni, a maggioranza semplice dei presenti sulla base delle candidature pubblicamente annunciate durante l'Assemblea Generale che ha eletto il Direttivo.

17) L'attività del Direttivo si articola per gruppi di lavoro individuate secondo un programma annuale proposto dal Presidente ad inizio mandato ed approvato dal Direttivo stesso.

18) Il Direttivo può indirizzare richiami al proprio membro che, per reiterate assenze o scarsa collaborazione, pregiudichi l´ottenimento dei risultati di cui sopra. Esperiti i suddetti richiami, e ai fini del buon funzionamento delle attività del CLENAD Italia, il Direttivo, con votazione a maggioranza semplice dei suoi membri, dispone la revoca dell'incarico.

19) In qualsiasi momento i membri del Direttivo possono presentare dimissioni spontanee.

20) Qualora il numero dei membri che presentano le dimissioni o che decadono dal loro incarico fosse superiore ad un terzo del Direttivo stesso, il Direttivo può provvedere, nel caso in cui lo ritenga utile al buon funzionamento delle attività in corso, alla raccolta di nuove candidature spontanee tra gli END in distacco, dandone massima diffusione.

Il Presidente

21) Il Presidente, su mandato del Direttivo, rappresenta pubblicamente il CLENAD Italia, presiede il Direttivo e l'Assemblea Generale.

22) Il Presidente è eletto dal Direttivo a maggioranza semplice sulla base delle candidature pubblicamente espresse nel corso dell'Assemblea Generale incaricata di eleggere il Direttivo, preferibilmente tra chi ha già acquisito una congrua esperienza nel Direttivo in maniera tale assicurare il prosieguo delle attività.

23) Il Presidente ha compiti di indirizzo e coordinamento, nonché di supervisione sulla realizzazione delle attività previste nel programma annuale.

24) Il Presidente si fa carico di assicurare una comunicazione trasparente dell'impiego delle risorse raccolte ai fini istituzionali dal CLENAD Italia, attraverso la pubblicazione delle stesse nel sito istituzionale.

25) Il Direttivo può chiedere a maggioranza semplice dei suoi membri le dimissioni del Presidente.

26) Il Presidente è assistito da un Vice-presidente e può delegare parte dei suoi compiti ad uno o più membri del Direttivo responsabili per la singola azione specifica oggetto della delega.

Il Vice-presidente

27) Il Vice-presidente assiste e coadiuva il Presidente.

28) Il Vice-presidente sostituisce il Presidente in tutti i casi in cui il Presidente sia impossibilitato a svolgere le proprie funzioni.

29) Il Vice-presidente è eletto a maggioranza semplice dei presenti dal Direttivo sulla base delle candidature espresse durante la prima riunione del Direttivo.

Il Tesoriere

30) Il Tesoriere, su mandato del Direttivo, cura la raccolta dei conferimenti volontari dei membri del CLENAD Italia di cui all'art. 5, provvede al pagamento delle spese in conformità alle decisioni prese dal Direttivo. A tal fine opera mediante un conto paypal (o servizi assimilabili) dedicato a tal fine.

31) Il Tesoriere è nominato dal Presidente tra i membri del Direttivo in carica sulla base di candidatura volontaria.

32) Il Tesoriere è tenuto a conservare in formato elettronico traccia della documentazione contabile sullo spazio cloud della casella email e a fornire informazioni circa la gestione contabile a qualsiasi membro del CLENAD Italia ne faccia richiesta.

33) Il Tesoriere, in occasione dell'Assemblea annuale, presenta la gestione della cassa relativa all'anno precedente.

La Segreteria Tecnico Operativa

34) La segreteria Tecnico Operativa è costituita dai membri del Direttivo e dagli END membri dell'Assemblea che su base volontaria offrono la propria disponibilità alla realizzazione di specifici incarichi demandati dal Direttivo per il perseguimento degli obiettivi statutari.

35) L'attività della Segreteria Tecnico Operativa è coordinata dal vicepresidente del CLENAD previa approvazione del programma delle attività da parte del Direttivo.

36) La qualifica di membro della Segreteria Tecnico operativa cessa nel momento in cui l'obiettivo programmato è stato realizzato.

Revisione dello Statuto

37) Lo Statuto è emendato dal Direttivo a maggioranza semplice dei suoi membri.

 

***

Il presente Statuto è stato emendato dal Direttivo in carica nel 2016.

I contenuti dell'emendamento sono stati discussi e approvati durante l'assemblea annuale del 26 Aprile 2016.